Anisetta Rosati Superfine con puri pistilli di Zafferano Pregiato

 25,50

Denominazione del distillato Anisetta Rosati Superfine con puri pistilli di Zafferano Pregiato
Quantità netta Formato disponibile bottiglia da 50 cl
Prezzo PROMO PASQUA 2021 € 25,50
Paese di origine Ascoli Piceno – Regione Marche – Italia

L’Anisetta Rosati “SUPERFINE è il risultato di una diligente distillazione discontinua a bagnomaria ed a lenta evaporazione, di un’attenta selezione di semi di Anice Verde di Castignano arricchita dai nostri purissimi stimmi di “Zafferano Piceno” in infusione in purezza, che le conferiscono il caratteristico color oro ed un profumo inebriante

PROMO PASQUA 2021 

Share item
Gradazione Alcolica: 32% Vol.
Metodo di distillazione: distillazione in alambicco discontinuo a bagnomaria ed a lenta evaporazione; botanica principale Semi di Anice Verde di Castignano (Pimpinella Anisum L.) Presidio Slow Food con successiva infusione a freddo di puri pistilli di Zafferano Puro Pregiato
Temperatura di servizio: 10°-15° C.
Bicchiere consigliato: ballon o calice a tulipano
Come servirla: in purezza. Ideale come digestivo o fine pasto
Analisi visiva: colore brillante tendente ad un giallo dorato
Analisi olfattiva: profumo intenso, aromatico, deciso e gradevole con una delicata nota del nostro zafferano puro pregiato.
Analisi gustativa: gusto pieno morbido ricco di aroma con intensi sentori di anice verde, zafferano, camomilla, liquirizia, miele e spezie

Nella maestosa e storica  Ascoli Piceno da un’antica ricetta del Premiato Laboratorio Farmaceutico del Cav. Umberto Rosati, nasceva nella seconda metà dell’ottocento, l’Anisetta Rosati un distillato digestivo a base di Anice Verde di Castignano. L’anice viene seminato a marzo in soleggiati terreni fertili esposti a sud, rinfrescati dalla brezza dei Monti Sibillini e raccolto a mano a fine agosto dagli abili agricoltori del Piceno terra ricca di biodiversità.

Dopo un meticoloso lavoro manuale e un attenta distillazione a bagnomaria nasce “Anisetta Rosati” Proprio grazie agli eredi del Cav. Umberto Rosati del Premiato Laboratorio Farmaceutico di Ascoli nasce anche l’Anisetta Rosati Superfine, un “elixir” nato come digestivo e non solo…

Va ricordato che l’anice verde nella regione Marche alla fine del ‘600 era una spezia di largo consumo, che nei due secoli successivi venne abbondantemente commercializzata in quanto l’ingrediente principale di due liquori molto apprezzati, come l’Anisetta e il Mistrà.

Ancora oggi l’anice verde nella varietà di Castignano è impiegato insieme ad altre spezie mediterranee (che sono mantenute segrete!) provenienti da coltivazioni biologiche per realizzare l’Anisetta, secondo un’antica ricetta nata ad Ascoli Piceno, dove il Cav. Umberto Rosati acquistò nella seconda metà dell’Ottocento una farmacia nel centro di Ascoli Piceno da allora punto di riferimento assoluto per l’Italia.


L’Anisetta Rosati “SUPERFINE” è il risultato di una diligente distillazione discontinua a bagnomaria ed a lenta evaporazione, di un’attenta selezione di semi di Anice Verde di Castignano arricchita dai nostri purissimi stimmi di “Zafferano Piceno” in infusione in purezza, che le conferiscono il caratteristico color oro ed un profumo inebriante

Lo sapevi che

L’anice verde è largamente impiegato per le sue qualità aromatiche e salutari, svolge un’azione espettorante del catarro bronchiale, carminativa, diuretica, lassativa ed antispasmodica. È molto efficace nella cura delle flatulenze e delle coliche, viene utilizzato come coadiuvante della digestione e stimolante dell’appetito in quanto favorisce la secrezione gastrica.

L’olio essenziale contenuto nel frutto è costituito per circa l’80 % da anetolo; esso è incolore o presenta leggere sfumature giallognole ed è un ottimo antisettico. L’estrazione avviene tramite distillazione in corrente di vapore. Il seme viene utilizzato nella preparazione di pane, focacce, strudel, salse, creme e canditi; può essere aggiunto ai formaggi freschi e cremosi.

Il fiore e le foglie si mescolano alle macedonie con fichi, datteri e castagne, mentre il gambo e le radici danno un leggero aroma di liquerizia a minestre e stufati. Un uso ulteriore è quello della preparazione di bevande alcoliche come l’anisette, l’assenzio ed il varnelli.